Modelli di business data-driven: il ruolo della consulenza legale nella data strategy

Published on 22nd Jun 2022

Pubblicato lo studio realizzato da Osborne Clarke in collaborazione con European Company Lawyers Association (ECLA) che esplora le crescenti implicazioni legali relative allo sviluppo dei modelli di business data-driven e il ruolo sempre più centrale dei consulenti legali chiamati a co-guidare l'innovazione e a contribuire al successo della data-strategy. 

Lo Studio - commissionato dalla law firm internazionale Osborne Clarke e realizzato da ECLA, organizzazione non governativa che riunisce associazioni di avvocati d'impresa e consulenti legali -  ha coinvolto oltre 400 general counsel in tutta Europa, trasversali per settore di riferimento e dimensioni d'impresa. La ricerca indaga il rapporto dei team legali con i cambiamenti in atto portati dalla regolamentazione dei dati e del digitale e offre spunti e soluzioni pratiche per la gestione dei modelli di business data-driven.

Se da un lato l'innovazione digitale – e con essa il crescente utilizzo dei dati - sta radicalmente cambiando il modo di fare impresa, dall'altro l'Unione europea è fortemente impegnata nello stabilire i principi guida per la regolamentazione dei modelli emergenti - con interventi che avranno un impatto su qualsiasi operatore nell'Ue - contribuendo attivamente a plasmare lo sviluppo dell'ecosistema europeo dei dati. Si muove in questa direzione, ad esempio, la proposta europea di Data Act, una delle numerose normative che produrrà sostanziali modifiche nell'accesso e nell'utilizzo dei dati e con cui le aziende dovranno misurarsi.

Secondo i risultati dello Studio, quasi due terzi delle aziende europee offre prodotti/servizi data-driven, il 26% pianifica di farlo entro il prossimo futuro e solo il 36% dispone di una strategia sui dati. Questi ultimi derivano per l'82% da dataset forniti dai clienti e nel 64% dei casi sono dati già presenti in un database interno trattati per nuove finalità. Si prospetta dinamico il mercato delle collaborazioni: il 42,5% delle aziende sta sviluppando (o sta pianificando) prodotti/servizi data-driven in collaborazione con terze parti commerciali. 

Due legali d’azienda su tre affermano che il quadro giuridico e normativo sui dati è il principale ostacolo all'implementazione di modelli di business data-driven, il 63% afferma che è poco chiaro e solo l'11% che è ben strutturato. 

Uno scenario complesso che richiede alle aziende di porsi interrogativi importanti: il modello di business adottato; le opportunità che potrebbero emergere da un utilizzo più strategico dei dati; la funzione dei team legali interni il cui contributo è sempre più centrale nel processo di definizione della data-strategy.

Maggiori informazioniu: qui
 

Per maggiori informazioni e chiarimenti non esitare a contattare i nostri professionisti.

Share
Interested in hearing more from Osborne Clarke?

* This article is current as of the date of its publication and does not necessarily reflect the present state of the law or relevant regulation.

Connect with one of our experts

Interested in hearing more from Osborne Clarke?

Related articles